Il mio teddy

Il mio teddy
Se vi piace qualche mia creazione, contattatemi

lunedì 25 aprile 2016

UGHETTO... IL RANOCCHIETTO

Salve amiche, voglio mostrarvi un piccolo lavoro fatto in questi giorni che mi ha richiesto mia figlia. Un completino di lana per:


Ughetto
il simpatico ranocchietto


mi ha mandato le misure
ed eccoli qua!!




aspetto di vederglieli indosso,
chissa' come staranno??
le misure andranno bene??
piacera' il completino??



ed ecco a voi
UGHETTO
IL RANOCCHIETTO
vestito di tutto punto
direi che il completo gli sta proprio giusto
ne son felice

Ora magari visto che si va
incontro all'estate...
magari un completino da mare???


lunedì 18 aprile 2016

DI NUOVO ........... NATURA

Devo dire che abitando in campagna, mi rendo conto del variare delle stagioni in modo prorompente.
Andando per la mia solita passeggiata, al mattino, vedo cose sempre piu' belle intorno a me.
Come questa grandissima pianta, piena di foglie verdi, da qualche mattina si e' riempita di glicine..... si perche' appena sotto c'e' una rete dove si trovano molti rami di glicine, e pian piano si sono attorcigliati su per il fusto della pianta, arrivando fino alla punta dell'albero.

Beh! una cosa fantastica!!
Boccoli di glicine che spuntano in mezzo alle foglie!!
Mi hanno poi detto che questa pianta fa così tutti gli anni
eccola








Anche questa pianta
di cui non conosco il nome
ha colpito il mio interesse
rami rosa antico che spuntano come ciocche



Che dire?
mi trovo proprio bene in campagna.
Ieri pomeriggio nel mio giardino ho trovato una piccola lepre
BELLISSIMA
sono corsa per prendere la macchina fotografica
ma lei.....
svelta come una lepre.....
e' scappata.
spero di poterla fotografare ancora
e farvela vedere.
Un caloroso saluto
a tutte!!

Oh! dimenticavo
una violetta ripresa in macro
che vederla così sembra molto grande
ma sara' stata in tutto 2 cm. di grandezza
forse la grandezza di un'unghia del pollice



sabato 19 marzo 2016

ARRIVA.......

Ora che abito in campagna, vado a passeggiare
 volentieri la mattina, e da un giorno all'altro.....

questa meraviglia





visto che non sono un'esperta,
sono andata a guardare se era il mandorlo o il ciliegio
(lo so, sono ignorante in materia...)
e' il mandorlo
e su un sito di giardinaggio 
ho letto varie simbologie, favole, racconti
su questa bella pianta
ho voluto riportarvele qua per farvele leggere
da:
http://www.giardinaggio.net/

I fiori di mandorlo sono i primi a sbocciare in primavera, talvolta nel tardo inverno, e per questo simboleggiano la speranza, oltre che il ritorno in vita della natura ma, sfiorendo nell’arco di un breve lasso di tempo, rappresentano anche la delicatezza e la fragilità. Il significato del fiore di mandorlo ha ispirato miti e leggende, promosso la nascita di tradizioni, diffuso parole sacre, cultura e folclore, che affondano le radici in tempi lontani nell’area geografica a clima mediterraneo in cui la pianta è coltivata.

Mitologia e cultura

Nella mitologia greca, il mandorlo è collegato all'attesa del compimento di una speranza e della costanza. Diverse sono le versioni tramandate attorno alla vicenda della principessa Fillide (o Filli), figlia di Sitone, re della Tracia, trasformata in un mandorlo spoglio dalla dea Atena, per compassione, dopo essersi uccisa per il dolore temendo d'essere stata abbandonata da Demofonte (o Demofoonte, o suo fratello Acamante, o Acamante, figlio di Antenore e di Teano), figlio di Teseo e di Fedra, il quale non era ritornato da lei nel tempo stabilito per le nozze. L'albero rimase spoglio e sterile fino a quando l'eroe non ritornò in Tracia e venne a conoscenza del tragico destino di Fillide. Allora egli andò ad abbracciare il mandorlo piangendo e le sue lacrime di pentimento si trasformarono in una nube di candidi petali che adornarono i rami della pianta, che così finalmente fiorirono, ma rimasero privi di foglie, come poi continuò a succedere all’annuncio di ogni primavera.

Fiore di mandorlo: Magia, leggende e folclore

Antichi riti e pratiche di magia, tra i quali è incluso un elisir d'amore a base di fiori di mandorlo da offrire in dono all'oggetto del proprio desiderio, venivano praticati in Sardegna. Il periodo della fioritura di questa pianta era propizio e coincideva con la stagione dei fidanzamenti.
Alle tradizioni arcaiche folcloristiche della Spagna appartiene una leggenda araba secondo la quale il califfo musulmano Abd al-Rahman III fece piantare dei mandorli sul terreno collinare attorno al suo palazzo nel villaggio di Madinat-al-Zahra (Medina Azahara), nei pressi di Cordova. Egli voleva restituire il sorriso all’amata moglie Azahara, che soffriva di nostalgia, alla vista dei fiori bianchi assomiglianti al candido manto di neve della Sierra Nevada, che lei un tempo poteva ammirare dalla propria abitazione a Granada.
non le ho ritrascritte tutte
ma ce ne sono
Molte altre di cose belle da andare a leggere
e comunque visto che anche il ciliegio 
e' stupendo
ecco altre immagini sempre durante la mia passeggiata


BUONA PRIMAVERA A TUTTI






lunedì 7 marzo 2016

ALLA RICERCA DEI LAVORI.....PASSATI

Ogni tanto mi ritrovo a girare a vuoto, o forse ho voglia di ritrovare cose dimenticate.  Così vado a cercare negli armadi o nei cassetti, e stavolta ho ripreso in mano album fotografici ed ho ritrovato cose fatte e fotografate molti anni fa, quando ancora non avevo un blog, ecco alcune di esse:

Bamboline in pasta di sale



Punchneedle


pasta di sale

Tiffany

Bonsai di perline

Fiori in metallo e mouiline'


Porcellana dipinta


legno dipinto

pergamena

Decorazione in oro
su porcellana

Mi spiace pensare di averle accantonate, ma sono tecniche che non riprendero' piu' in mano, sia per il tempo che per lo spazio attuale.... vabbe'... ma mi sono divertita... e tanto!!

Un caro saluto a chi passa a trovarmi

lunedì 29 febbraio 2016

FUORI TEMPO... MA NON E' MAI TROPPO TARDI

Il problema del collegamento internet mi ha lasciata fuori dal mondo per un bel po', anche se a tutto ci si abitua, così ho saltato il periodo natalizio, che per la prima volta, quest'anno mi ha permesso, nella mia nuova casa di trovare lo spazio di poter fare l'albero, che a me piace tanto.
Ho cominciato a decorarlo con palle colorate nuove, fili d'argento... ma mancava di personalita', così intanto che si riempiva pensavo a come poterlo realizzare di anno in anno, con decorazioni mie, con fiocchi di neve fatti col chiacchierino, con decorazioni ricamate, o palline fatte con la maglia, così mi e' venuto in mente che avevo tante decorazioni fatte con il legno, interamente fatte da me.
Ho usato il traforo per tagliare le sagome e dipinte a mano, le avevo tenute in una scatola per un prossimo futuro, ed ora eccole qua, a decorare il mio primo albero
















Quando poi il 6 gennaio lo abbiamo smontato, ho fatto scegliere a mia figlia e il suo ragazzo che hanno passato le vacanze da noi, una decorazione ciascuno, così il prossimo anno avranno anche loro  due decorazioni in piu' per il loro. Sicuramente non riusciro', nonostante i miei sempre buoni propositi, a poter realizzare molte altre decorazioni fatte da me, ma saro' felice di poterne fare almeno una l'anno, così sara' sempre piu' personale e "mio"
Baci a tutte, vado in cucina a realizzare una nuova ricetta, se viene bene, poi ve la mostro